voci di capitolato

Fissaggio sopra solaio

Fornitura e posa in opera di canale a tenuta stagna   BREVETTATO, realizzato in lamiera presso piegata o profilata a "C" con dimensioni 25x163x168x133x22 spessore 3 mm, completo di rinforzi con fori filettati saldati alla base ogni 200 mm idonei al fissaggio di profili "porta vetro" in alluminio estruso o ringhiere di qualsiasi lega, il tutto zincato a caldo secondo norma UNI EN ISO 1461.

Esternamente è completo di piastre asolate saldate in verticale con interasse di circa 1500 mm necessarie per il fissaggio frontale al solaio, e sul lato opposto di piatto a correre saldato in orizzontale spessore 8 mm, con asole ad interasse di 200 mm.

 garantisce una spinta di 2KN/m se fissato con ancoraggi M12 ogni 400 mm, e di 3KN se fissato ogni 200 mm.

Il tutto fornito a misura con schema per l'installazione, completo di flange e scarichi con diametro e posizione variabili, guarnizioni e viti inox di collegamento.

Fissaggio fronte solaio (tipo 1)

Fornitura e posa in opera di canale a tenuta stagna   BREVETTATO, realizzato in lamiera presso piegata o profilata a "C" con dimensioni 25x163x168x133x22 spessore 3 mm, completo di rinforzi con fori filettati saldati alla base ogni 200 mm idonei al fissaggio di profili "porta vetro" in alluminio estruso o ringhiere di qualsiasi lega , il tutto
zincato a caldo secondo norma UNI EN ISO 1461.

 é inoltre predisposto di piatto a correre spessore 8 mm, con asole ad interasse di 200 mm.

In caso di fissaggio sul fronte del solaio  può essere bullonato sopra ad una mensola in acciaio, con sezione 250*160*8 mm, rinforzata con fazzoletti ad interasse di 200 mm.

Quest'ultima garantisce una spinta di 2KN/m se fissato con ancoraggi M12 ogni 400 mm, e di 3KN se fissato ogni 200 mm.

Fornito a misura con schema per l'installazione, completo di flange e scarichi con diametro e posizione variabili, guarnizioni e viti inox di collegamento.

Fissaggio fronte solaio (tipo 2)

Fornitura e posa in opera di canale a tenuta stagna   BREVETTATO, realizzato in lamiera presso piegata o profilata a "C" con dimensioni 25x163x168x133x22 spessore 3 mm, completo di rinforzi con fori filettati saldati alla base ogni 200 mm idonei al fissaggio di profili "porta vetro" in alluminio estruso o ringhiere di qualsiasi lega, il tutto zincato a caldo secondo norma UNI EN ISO 1461.

 é inoltre predisposto di piatto a correre spessore 8 mm, con asole ad interasse di 200 mm.

In caso di fissaggio sul fronte del solaio  può essere bullonato sopra ad una mensola in acciaio, con sezione 250*160*8 mm, rinforzata con fazzoletti ad interasse di 200 mm.

Quest'ultima garantisce una spinta di 2KN/m se fissato con ancoraggi M12 ogni 400 mm, e di 3KN se fissato ogni 200 mm.

Fornito a misura con schema per l'installazione, completo di flange e scarichi con diametro e posizione variabili, guarnizioni e viti inox di collegamento.

NOTE TECNICHE PER I PROGETTISTI
in relazione al comportamento termico

1. Criticità: infiltrazioni d'acqua. Soluzione: deflusso dell'acqua

2. Grazie al suo sistema brevettato di scolo è in grado di far defluire l'acqua piovana che cade sia sul vetro che sul pavimento evitando così la formazione di infiltrazioni.
Inserire un qualsiasi elemento metallico, ad esempio un profilo di sostegno per parapetti, in un nodo termicamente non efficiente porta alla formazione di condensa e quindi infiltrazioni e/o muffa.
A seconda della situazione di partenza si può mitigare l'eventuale ponte termico mediante l'impiego di alcuni accorgimenti.

3. NOÈ: comportamento termico con materiale isolante.
Al fine di garantire un servizio sempre migliore per la qualità costruttiva, Arredil ha deciso di studiare il comportamento termoigrometrico dell'elemento su diversi supporti.

4. Il progettista dovrà pensare ad un corretto nodo di posa.
Sarà pertanto importante che nello studio del nodo si tenga presente lo spazio per la creazione di una superficie di posa livellata.

5. È opportuno che il progettista e il direttore lavori valutino con attenzione le caratteristiche termoigrometriche del nodo.
Lo studio agli elementi finiti ha evidenziato come siano sufficienti pochi e semplici accorgimenti per aumentare la sicurezza del nodo

chiedi maggiori
informazioni